Gli elementi essenziali per creare un business plan perfetto

Se sei alle prese con il lancio della tua startup, o del tuo nuovo progetto aziendale, sicuramente sai che hai bisogno di uno strumento che ti aiuti a capire quale indirizzo strategico intraprendere, come posizionare il tuo business e come allocare al meglio le tue risorse.

Quello che dovrai fare è quindi procedere alla stesura del tuo business plan, e non commettere errori mentre lo fai.

Questo perché avrà sia una funzione esterna, cioè sarà il tuo biglietto da visita per far conoscere ai clienti e ai finanziatori il tuo progetto, sia una interna, dato che ti servirà come strumento di pianificazione, e verifica degli strumenti utili alla sua realizzazione.

Dovrai quindi analizzare quali sono gli obiettivi da raggiungere e quali sono le risorse e i mezzi che hai a disposizione, insieme ai punti di forza e di debolezza dell’idea che proponi.

Tutto questo per poter elaborare le migliori strategie di marketing, e apportare eventuali azioni correttive nei confronti di problematiche emerse dopo un’attenta valutazione del progetto.

Come funziona un business plan?

Un business plan si compone di due parti: quella descrittiva, contente lo studio di mercato, la tua strategia, il tuo piano di azione e la descrizione di società e progetto, e quella economico-finanziaria, dove fornirai stime economiche e valutazione della sostenibilità del progetto proposto.

Per quanto riguarda la parte descrittiva, dovrai tenere conto di diversi aspetti, come quelli normativi, quelli politici e socio-culturali, gli aspetti contabili e quelli strutturali di mercato.

Così come dovrai focalizzarti sulla stima di vendite previste e necessarie per il raggiungimento del “break even point”, cioè il punto dove tutti i costi di realizzazione saranno interamente coperti, sui costi di realizzazione e sugli investimenti da compiere per quanto riguarda la parte economico-finanziaria.

Ci sono poi documenti essenziali e di vitale importanza che dovrai inserire nel tuo progetto:

  • L’EXECUTIVE SUMMARY, cioè un breve documento riassuntivo dei principali punti del progetto.
  • L’INVESTMENT MEMORANDUM, una presentazione formale dell’azienda.
  • Un PIANO DI MARKETING, per chiarire le attività di marketing previste.

Quali caratteristiche deve avere per essere un buon business plan?

Dovrai impegnarti nel descrivere le opportunità che il tuo business offre, ed illustrare il mercato di riferimento per il prodotto o il servizio che intendi vendere.
Descrivere il team che ti affiancherà nello sviluppo del progetto, e il lavoro da questo svolto, per dare un’idea chiara e pulita dei tuoi metodi.
Fare un elenco delle risorse (sia economiche, che di altra natura) che serviranno per arrivare al raggiungimento degli obiettivi che ti sei preposto, e fare previsioni su questi, stimando quali saranno i risultati ottenibili entro un determinato arco temporale.

Come organizzare il tuo business plan

Durante la stesura, ricordati che il tuo business plan dovrebbe comporsi di:

  • Un’INTRODUZIONE, ovvero una panoramica sui temi principali del tuo progetto.
  • Un CORPO CENTRALE, contenente la descrizione di chi, come, cosa e dove.
  • Vari ALLEGATI, come ad esempio i dati finanziari o il CV del management.

Risulta poi utile l’aggiunta di una COPERTINA dove mostrare i contatti dell’azienda e CEO, un INDICE DEI CONTENUTI che illustri le varie sezioni presenti all’interno, e vari piani, fra cui quello di MARKETING, il piano PRODUZIONE e il piano FINANZIARIO, per illustrare a tutto tondo la strategia che si intende perseguire, i metodi e i processi di cui ci avvarremo, come ripartiremo i compiti e le azioni e quali saranno i costi ed i ricavi.

In tutto questo, non dimenticarti di individuare il target di riferimento che vuoi raggiungere e gli eventuali partner: questo ti aiuterà nell’acquisizione dei primi clienti, e nell’individuare quali saranno le partnership necessarie allo sviluppo del tuo marketing.

Anche i competitor meritano un occhio di riguardo; è con loro infatti che ti dovrai confrontare poi una volta sul mercato, poiché la tua idea di business non sarà né la prima né l’ultima in quel settore specifico.
Fai quindi un’accurata analisi delle loro proposte e delle loro strategie, per riuscire a elaborare qualcosa di davvero innovativo.

Come avrai capito, scrivere il business plan sarà solo il primo passo per la nascita della tua attività, e per il raggiungimento degli obiettivi che ti sei prefissato.
Comincia perciò a lavorarci subito su, ma ricordati una cosa: quello che lo renderà davvero utile sarà ciò che riuscirai a fare dopo averlo scritto!

Letto 24 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Logo piccolo

Siamo un'agenzia di web design riconosciuta a livello nazionale con 15 anni di esperienza nel settore grafico, web e marketing. La nostra principale missione è quella di creare siti web e soluzioni digitali per aiutare le imprese a crescere on-line.

CONTATTI

  • 0746-1890101
  • 0746-1861105
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • mlsoluzioniweb2
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego